"Estetiche divagazioni - Forme e idee dell'Arte Grafica in Romania" - gli Artisti

Estetiche divagazioni – Forme e idee dell’Arte Grafica in Romania
Gli artisti Testo originale in romeno di Ovidiu Petca, traduzione di Silvia Danaila. Questa mostra è un primo passo nella collaborazione tra l’Associazione Nazionale Incisori Contemporanei e la rivista culturale romena “Tribuna” che organizza la mostra annuale “Tribuna Graphic” a cui partecipano trenta artisti, su invito, da tutto il mondo. Quest’anno Tribuna Graphic è dedicata alla grafica giapponese. La mostra di Villa Benzi Zecchini di Caerano di San Marco (TV), permetterà al pubblico italiano di conoscere venti artisti romeni provenienti dai maggiori centri culturali di Romania. Poiché l’iniziativa parte da Cluj, città dove ha sede “Tribuna”, ricordiamo per primi gli artisti che operano nella capitale della Transilvania.
Cristian Opriş (n. 1973) e Ovidiu Tarţa (n. 1976) sono docenti all’Accademia di Belle Arti di Cluj e hanno partecipato a numerose mostre internazionali.
Horváth Gyöngyvér (n. 1952) e Géza Székely (n.1958), sempre operanti a Cluj, sono eccellenti rappresentanti della minoranza ungherese nel panorama artistico di Romania. Horváth Gyöngyvér è specializzata in collografia, una tecnica portata alla perfezione dal suo ex maestro Laszlo Feszt (1930-2013), uno dei più importanti grafici di Romania molto apprezzato anche in Italia negli anni 70 del novecento. Géza Székely è conosciuto anche come organizzatore di mostre con vigorosi artisti grafici.
Călin Stegerean (n. 1961) è stato direttore del Museo d’Arte di Cluj e recentemente è stato nominato direttore del Museo Nazionale d’Arte di Bucarest. È presente in mostra con due stampe digitali.
Ovidiu Petca (n.1958) da 15 anni pratica esclusivamente arte digitale. Ha partecipato a numerose mostre internazionali ed è il curatore di questa mostra con Luciano Rossetto. Braşov è un importante centro culturale e industriale della Transilvania ed è rappresentato in questa mostra da Adrian Timar (n. 1954) laureato all’Istituto d’Arte di Cluj. Attualmente insegna presso la Scuola d’Arte di Braşov. Altro rappresentante di questa città è Jakab Ábrahám (n. 1952), un maestro delle tecniche di intaglio. Entrambi hanno rappresentato la Romania in molte importanti biennali internazionali di grafica. Eugen Dornescu (n. 1955) di Sibiu, è anche un eccellente pittore e illustratore. Nella grafica è conosciuto per le sue espressive collografie. Di Sibiu è anche Ştefan Orth (n.1945) con una carriera artistica molto ricca e a cui è stata conferita la cittadinanza onoraria di Sibiu. Ferenc Siklody (n. 1968) è laureato presso l’Istituto d’Arte di Cluj e pratica tutte le maggiori tecniche grafiche. È docente presso l’Istituto di Miercurea Ciuc. È Stato referente per il centro culturale di Lăzarea dove ha organizzato diverse mostre. Timişoara, capitale del Banato, è rappresentata da Suzana Fântânariu (n. 1947), un’autorità per la grafica in Romania e vincitrice di molti premi nazionali e internazionali, e dal suo giovane allievo Mircea Popescu (n. 1985) che presenta due meravigliose linoleografie. Mircea è stato recentemente premiato alla Biennale di Incisione di Iasi. Arad è da lungo tempo un centro rappresentativo dell’arte romena. Uno dei più importanti illustratori di questa località è Adrian Sandu. Le sue opere rappresentano la vita quotidiana in Romania con un sapore comico-grottesco. Adrian è curatore del Museo di Arte di Arad. Bucarest, capitale della Romania, presenta gli artisti Marina Nicolaev (n. 1960), attiva nei campi dell’architettura, grafica e poesia e Anca Boeriu (n. 1957) docente all’Accademia di Belle Arti di Bucarest e organizzatrice della Biennale Internazionale di Incisione di Bucarest. La Moldova è rappresentata da due artisti di Iasi. Atena-Elena Simionescu (n. 1958), rettore dell’Accademia delle Arti di Iasi e Mihail Voicu (n. 1963) curatore del Museo d’Arte di Iasi. Sono anche i curatori della prima Biennale Internazionale di Incisione di Iasi. Constanza è rappresentata da Marieta Besu (n.1956), un’artista sensibile con oltre 35 anni di attività artistica.
Ibrahima Keita (n. 1949) è capo del dipartimento del Research Institute Eco Museo di Tulcea e curatore del Museo d’Arte di Tulcea. Le sue opere si ispirano all’arte africana essendo lui originario della Guinea. Si è laureato presso l’Istituto d’Arte di Bucarest.

AVVISO

Il Consolato Generale Onorario di Romania a Treviso non può svolgere delle attività che implicano l’esercitazione dell’autorità dello Stato, ovvero, non può rilasciare documenti o dichiarazioni per cittadini romeni o stranieri ( documenti d’identità o viaggio, visti, cittadinanza romena, trascrizioni dei documenti, legalizzazioni, autenticazioni, assistenza o rappresentazioni giuridiche ecc..).

Per scoprire le sedi competenti visita la sezione

Missioni Diplomatiche